Per offrirti un servizio migliore utilizziamo i cookies. Continuando a navigare ne autorizzi l'uso. Uso dei cookies.

Ok
  • Nuovo

Cubo posanecere piccolo- Danese Milano

54,00 €
Tasse incluse

Cubo- posacenere piccolo di Danese Milano.

Colore
  • Grazie alla tecnologia SSL (Secure Sockets Layer) tutte le informazioni inviate attraverso questo sito e i pagamenti effettuati sono al sicuro. Grazie alla tecnologia SSL (Secure Sockets Layer) tutte le informazioni inviate attraverso questo sito e i pagamenti effettuati sono al sicuro.
  • Le consegne sono previste entro 1-2 giorni lavorativi. Per ordini superiori a 80€ la spedizione è gratuita. Le consegne sono previste entro 1-2 giorni lavorativi. Per ordini superiori a 80€ la spedizione è gratuita.
  • Possibilità di recesso entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della merce. Possibilità di recesso entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della merce.

Posacenere cubico disegnato da Bruno Munari nel 1957.

Il posacenere cubo è uno degli oggetti cult del design italiano.

Si tratta di un oggetto estremamente semplice: un modulo costituito da un cubo polimerico aperto su un lato e da una striscia d'acciaio piegata. 

L'oggetto risulta estremamente funzionale: contiene la cenere e i mozziconi, li nasconde alla vista e ne evita l'accidentale versamento.

Il Portacenere cubico, da cui è nata un'intera famiglia di oggetti, tra cui il servizio da scrivania Canarie e il portacenere da terra, è presente nelle collezioni di design di tutti i più importanti musei del mondo, tra i quali il MoMA di New York.

Bruno Munari è uno dei massimi protagonisti dell’arte, del design e della grafica del 20° secolo in Italia.

Durante la sua carriera artistica ha mantenuto inalterata la sua creatività a sostegno delle sue indagini sulla forma, sperimentando e comunicandola attraverso parole, oggetti e giocattoli.

Iniziò vicino alla corrente del futurismo, partecipò alle mostre collettive della Galleria Pesaro, alla Biennale di Venezia e alle Quadriennali di Roma e Parigi, ma poi si allontanò dalla corrente per ricercare maggiormente nei campi della forma e del colore, e dell’autonomia estetica degli oggetti. Tra le sue opere più emblematiche troviamo le “macchine inutili”, dei congegni meccanici che indagano sulle possibilità percettive, presentati come «modelli sperimentali intesi a verificare le possibilità di informazione estetica del linguaggio visuale», opere che precedono l’optical art. Dal 1934 al 1936 si dedicò alla pittura astratta.

Fondatore insieme a A. Soldati, G. Monnet, G. Dorfles del MAC (Movimento per l’Arte Concreta). Dagli anni 50 produce le sculture “concavo-convesse”, i dipinti “positivo-negativi” e i modelli sperimentali tridimensionali. Nella sua vita ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Compasso d’oro dell’ ADI (1954, 1955,1970 e 1995 alla carriera), il premio Japan design foundation nel 1985, e la menzione onorevole dell’Accademia delle scienze di New York nel 1974. 

Materiale: Alluminio anodizzato, melammina, non infiammabile.

Misure: 6*6*6 cm

DM200A10

Potrebbe piacerti anche

Registrazione nuovo account

Hai già un account?
Entra invece Oppure Resetta la password